Caldaia a pellet VS GPL e Gasolio, conviene realmente?

Caldaia a pellet VS combustibili petroliferi, quale conviene?

Tra le tantissime alternative che il mercato offre all'utilizzo dei combustibili fossili per il riscaldamento c’è la biomassa, l'oggetto di confronto di questo articolo è il pellet, materiale derivante dagli scarti di lavorazione del legno.

 I principali vantaggi nell'utilizzo di una caldaia a pellet risiedono nel combustibile che si utilizza, il quale deve garantire:

- Alto rendimento;

- Alto potere calorico;

- Economicità;

- Completa automazione;

- Semplicità di utilizzo.

Logicamente non si hanno solo vantaggi ma c’è anche da considerare con attenzione che la caldaia a pellet richiede un impegno costante nel caricamento e nelle operazioni di pulizia, anche se alcuni modelli hanno introdotto un sistema automatico di pulizia del braciere e degli scambiatori.

 

 Caldaia a pellet, convenienza economica

 Per poter determinare se un intervento è realmente conveniente è necessario fare delle valutazioni numeriche su un caso reale calcolando il risparmio annuo ottenuto. Prendendo in considerazione una classica abitazione con le seguenti caratteristiche:

 

Dati indicativi per la valutazione

Località

Arzachena

Classe climatica

C

Volume Abitazione interna

120.0 m2 x 2.7 m = 324.0 m3

Fabbisogno termico stimato

17500.0 kWh/anno

Potenza termica per il riscaldamento

8,0 kW

 

Per quanto riguarda il prezzo del combustibile di origine petrolifera si è fatto riferimento al prezzario pubblicato dalla camera di commercio di Pisa aggiornato al 30 Agosto 2019.

Per quanto riguarda il prezzo del pellet invece, si è utilizzato un valore medio di 4 € + IVA a sacco di 15 kg che corrispondono a 0,266 €/kg + IVA

I prezzi di riferimento per la valutazione vengono rappresentati nella tabella sottostante

Prezzo combustibile

GPL

1,226 €/l + IVA

GASOLIO

1,124 €/l + IVA

PELLET

0,266 €/kg + IVA

 

Per il calcolo del costo annuo per il soddisfacimento del fabbisogno termico facciamo riferimento alla seguente formulazione:

Calcolo costo anno

 

Per il valore del potere calorifico inferiore (PCI) si fa riferimento ai dati proposti da ENEA che vengono riportati nella tabella sottostante

PCI ENEA

Si procede ora al calcolo del costo annuo relativo al soddisfacimento del fabbisogno termico dell’abitazione con i dati precedentemente elencati.

I valori per i vari combustibili che si ottengono sono i seguenti:

Combustibile

Costo annuo fabbisogno termico €/anno

GPL

3081,32

Gasolio

1986,24

Pellet

953,89

 

E' possibile notare come con il pellet si ottengono differenze molto elevate, in particolare si ha una differenza di 2127,42 €/anno dal GPL e 1030,35 €/anno da Gasolio. Logicamente per questo calcolo si è fatto riferimento a prezzi che a seconda degli accordi commerciali potrebbero essere differenti. Come anche il potere calorifico inferiore del GPL potrebbe essere non perfettamente allineato con i valori proposti e bisognerebbe far riferimento al valore dichiarato dal fornitore. Ma comunque questa valutazione permette di ottenere un ordine di grandezza della convenienza economica di un combustibile rispetto ad un altro.

Caldaia a Pellet, quanto costa

Il costo di una caldaia è altamente vincolato dalla sua potenzialità e alle funzioni di gestione presenti, ma in linea di massima i prezzi medi si aggirano intorno a:

- Caldaia a pellet piccole comprese tra i 15 e 20 kW, il costo si aggira intorno ai 2000 – 2500 €;

- Caldaie a pellet medie comprese tra i 25 e 30 kW, il costo si aggira intorno a 3000- 3500 €;

- Caldaie a pellet grandi comprese tra i 35 e 50 kW. Il costo si aggira intorno a 5000 €;

Detto ciò, è possibile costatare dall'esempio precedente che sostituendo una caldaia a GPL della potenzialità di 10 kW con una a pellet delle medesime potenzialità l’investimento di acquisto della nuova caldaia venga ripagato quasi totalmente già nel primo esercizio. Logicamente a tali costi andranno sommati quelli per il montaggio e la dismissione della vecchia caldaia e le eventuali pratiche necessarie.

 

Caldaia a Pellet, come determinare la potenza della caldaia

 Per la determinazione della potenza della caldaia è necessarie effettuare un calcolo accurato dei carichi termici per determinare la potenza necessaria a soddisfare il fabbisogno termico dell’immobile.

In linea di massima l’esperienza mostra che in casi standard la potenza necessaria si mantenga in un certo range:

 

Carico termico riferito alla superficie

Anno di costruzione

Note

W/m2

Fino al 1975

Case non coibentate

Da 130 a 180

Dal 1976 al 1994

Edifici con scarsa coibentazione

Da 70 a 100

Dal 1995

Ordinanza di coibentazione

Da 50 a 70

Edifici nuovi

Case a basso consumo

Case passive

Da 25 a 40

Da 10 a 15

 

Quindi a seconda dell’anno di costruzione e del tipo di coibentazione presente è possibile avere un ordine di grandezza della potenzialità necessaria.

Ad esempio un’abitazione di 120 mq costruita nell'anno 1996 necessità di una potenzialità di 70x120= 8400 W.

 

Caldaia a Pellet, incentivi 2019

Attualmente esistono due tipologie di incentivi per le caldaie a pellet che sono l' Ecobonus e il conto termico 2.0.

Il primo viene concesso anche per le nuove installazioni e consiste in un incentivo del 50% sulle spese sostenute compreso lo smontaggio e dismissione dell’impianto di climatizzazione esistente, fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione a regola d’arte dell’impianto e le prese per le prestazioni professionali necessarie alla realizzazione degli interventi.

Il secondo consiste in un incentivo calcolato secondo specifici algoritmi con un calcolo che tiene conto della potenza termica del generatore installato e di specifici coefficienti di valorizzazione dell’energia. In tal caso l’incentivo viene erogato direttamente tramite bonifico sul conto corrente indicato e per incentivi sotto i 5000 € viene erogato entro l’anno in un’unica soluzione.

Per qualunque tipo di informazione o delucidazione non esitate a contattarci sarà nostro scrupolo e dovere darvi delle risposte con professionalità e competenza.
Ingegneria Fiori esegue progettazioni di ristrutturazioni, riqualificazioni gestendo tutto l'iter burocratico dall'autorizzazione edilizia all'ottenimento degli incentivi.

Norme correlate

Ecobonus, Vademecum Enea

Incentivi per la sostituzione o nuova installazione di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

Conto Termico 2.0, Regole di attuazione decreto legislativo 16/02/2016

Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti o di riscaldamento delle serre e dei  fabbricati rurali ...

Link utili

Portale ENEA

Sito del comitato termotecnico italiano

Autore

Ing. Alberto Fiori
Ing. Alberto FioriIngegnere civileQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Laureato all'Università degli Studi di Roma Tre con la votazione di 110. Dal 2018 titolare dello Studio Ingegneria Fiori. Esperto in strutture, impianti, energetica, urbanistica ed edilizia.

Connect

Dove Operiamo

Arzachena, Porto Cervo, Costa Smeralda, Baja Sardinia, Abbiadori, Cannigione,La Conia, Liscia di Vacca, Romazzino, Capriccioli, Pevero, Palau, Porto Rafael, Capo Testa, Porto Pollo, Olbia