Blog

Ultime notizie

Conto termico 2.0, incentivi per solare termico

Conto termico 2.0 per solare termico: impianti incentivabili:

Il nuovo conto termico 2.0 prevede un incentivo per l’installazione di collettori solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e/o ad integrazione dell’impianto di climatizzazione invernale, anche abbinati a sistemi di solar cooling.

Sono inoltre incentivate installazioni per la produzione di energia termica per processi produttivi.

Gli interventi devono essere realizzati su:

  • edifici esistenti;
  • parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti (di qualsiasi categoria catastale, tranne F/3);
  • edifici dotati di impianto di climatizzazione invernale;
  • su pertinenze.

Possono essere incentivati anche campi solari asserviti a reti di teleriscaldamento e raffreddamento.

L’impianto deve avere una superficie solare lorda inferiore o uguale a 2.500 metri quadrati.

Nel caso di assenza palese di un edificio/serra di riferimento (es. stabilimenti balneari, campeggi, ecc.),  si prevede l’indicazione da parte del Soggetto Responsabile dei riferimenti del Catasto Terreni dell’area su cui verrà realizzato il campo solare.

Conto termico 2.0 per solare termico, chi può richiedere l’incentivo:

Possono richiedere l’incentivo per le installazioni del solare termico le Amministrazioni Pubbliche e i Soggetti privati e le imprese direttamente o indirettamente tramite una ESCo.

Nel primo caso il Soggetto Responsabile dell’intervento è l’Amministrazione Pubblica o il soggetto privato, nel secondo caso il Soggetto Responsabile è la ESCo.

 

Conto termico 2.0 per solare termico, requisiti tecnici:

I requisiti minimi che l’impianto solare termico deve possedere per accedere all'incentivo sono:

  • i collettori solari devono essere in possesso della certificazione Solar Keymark;
  • in alternativa, per gli impianti solari termici prefabbricati del tipo factory made, la certificazione prevista al solo collettore può essere sostituita dalla certificazione Solar Keymark relativa al sistema;
  • i collettori solari hanno valori di producibilità specifica, espressa in termini di energia solare annua prodotta per unità di superficie lorda AG, o di superficie degli specchi primari per i collettori lineari di Fresnel, e calcolata a partire dal dato contenuto nella certificazione Solar Keymark (o equivalentemente nell’attestazione rilasciata da ENEA per i collettori a concentrazione) per una temperatura media di funzionamento di 50°C, superiori ai seguenti valori minimi:
  1. nel caso di collettori piani: maggiore di 300 kWht/m² anno, con riferimento alla località Würzburg;
  2. nel caso di collettori sottovuoto e collettori a tubi evacuati: maggiore di 400 kWht/m² anno, con riferimento alla località Würzburg;
  3. nel caso di collettori a concentrazione: maggiore di 550 kWht/m²anno, con riferimento alla località Atene;
  • per gli impianti solari termici prefabbricati del tipo factory made per i quali è applicabile solamente la UNI EN 12976, la producibilità specifica, in termini di energia solare annua prodotta QL per unità di superficie di apertura, misurata secondo la norma UNI EN 12976-2 con riferimento al valore di carico giornaliero, fra quelli disponibili, più vicino, in valore assoluto, al volume netto nominale dell’accumulo del sistema solare prefabbricato, e riportata sull'apposito rapporto di prova (test report) redatto da un laboratorio accreditato, in riferimento al dato contenuto nella certificazione Solar Keymark, deve rispettare almeno uno dei seguenti valori:
  1. maggiore di 400 kWht/m² anno, con riferimento alla località Würzburg;
  • per i collettori solari a concentrazione per i quali non è possibile l’ottenimento della certificazione Solar Keymark, questa è sostituita da un’approvazione tecnica rilasciata dall’ENEA;
  • la garanzia  dei  collettori  solari  e  dei  bollitori  di  almeno  5  anni;  in  caso  di  installazione  di  collettori solari termici per la produzione di calore in processi industriali, artigianali, agricoli (coltivazione/allevamento) o per il riscaldamento di piscine, per cui risulti essere non necessario un sistema di accumulo termico  (bollitore), i requisiti relativi alla garanzia di tale componente vengono meno. La richiesta di concessione degli incentivi dovrà essere corredata da una relazione tecnica, indipendentemente dalla taglia del nuovo campo solare installato, che giustifichi la non indispensabilità del  sistema  di  accumulo  termico,  specificando,  anche  attraverso  elaborati  grafici  e  schemi  a  blocchi dell’impianto, le caratteristiche tecniche del processo e dell’impianto;
  • La garanzia degli accessori e dei componenti elettrici/elettronici di almeno 2 anni;
  • l’installazione dell’impianto è eseguita in conformità ai manuali di installazione dei principali componenti;
  • nel caso di superfici del campo solare superiori a 100 mq, è obbligatoria l’installazione di sistemi di contabilizzazione del calore e la comunicazione al GSE delle misure dell’energia termica annualmente prodotta dagli impianti e utilizzata per coprire i fabbisogni termici, secondo quanto indicato dal decreto.
  • nel caso in cui l’impianto solare sia stato realizzato ai fini di una copertura parziale del fabbisogno di climatizzazione invernale, è necessaria l’installazione di elementi di regolazione della portata su tutti i corpi scaldanti, tipo valvole termostatiche a bassa inerzia termica;
  • per i soli impianti di solar cooling, il rapporto tra i metri quadrati di superficie solare lorda (mq) e la potenza frigorifera (kWt) deve essere maggiore di 2 e non potrà superare, in ogni caso, il valore di 2,75;
  • per le macchine frigorifere DEC, la superficie minima solare lorda installata dei collettori deve essere di 8 mq ogni 1000 mc/ora di aria trattata; in ogni caso, la superficie solare lorda dei collettori installata ogni 1.000 mc/ora di aria trattata non potrà superare il valore di 10.

Qualora l’intervento sia realizzato su un intero edificio (con l’esclusione dei fabbricati rurali e delle serre) dotato di un impianto di riscaldamento di potenza nominale totale maggiore o uguale a 200 kWt, ai  fini della richiesta di incentivo la diagnosi energetica ante-opera e l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) post-opera sono obbligatorie, a pena di decadenza del riconoscimento degli incentivi.

La diagnosi e l’APE dell’edificio non sono richieste per installazioni di collettori solari termici abbinati a sistemi per la produzione di  calore di processo e a impianti asserviti a reti di teleriscaldamento o teleraffrescamento.

 

Conto termico 2.0 per solare termico, le spese ammissibili:

L’incentivo per l’installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling, è stabilito sulla potenzialità dell’intervento, calcolato in funzione della presunta energia termica prodotta annualmente e della superficie lorda totale dei di pannelli installati.

Le spese accessorie riconosciute, sono incluse nei coefficienti di valorizzazione dell’energia termica prodotta.

Le spese accessorie (comprensive di IVA, se costituiscono un costo) per gli interventi concernenti la produzione di energia termica, anche se destinati con la tecnologia solar cooling alla climatizzazione estiva, comprendono:

  • lo smontaggio e la dismissione dell’impianto esistente, parziale o totale;
  • la fornitura, il trasporto e la posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche;
  • le opere idrauliche e murarie necessarie alla realizzazione a regola d’arte dell’impianto organicamente collegato alle utenze
  • le spese professionali connesse alla realizzazione dell’intervento.

Per gli impianti solari destinati anche alla climatizzazione sono  incluse le spese per i sistemi di contabilizzazione individuale, eventuali interventi sulla rete di distribuzione, sui sistemi di trattamento delle  acque, sui dispositivi di controllo e regolazione e sui sistemi di emissione.

 

Conto termico 2.0 per solare termico: calcolo incentivo

Per l’intervento riguardante le installazioni di collettori solari termici anche abbinati ai sistemi di solar coolin, l’incentivo annuo è definito in funzione:

  • dell’energia termica prodotta annualmente (stimata);
  • della superficie lorda installata;
  • di specifici coefficienti di valorizzazione dell’energia (€/kWht) distinti per dimensione e tipologia installativa e in funzione dell’utilizzo del calore prodotto.

Per maggiori dettagli sulle modalità di calcolo dell’incentivo consultare l’allegato 1 del DM 16 febbraio 2016 (Conto termico 2.0).

Norme correlate

Regole di attuazione decreto legislativo 16/02/2016

Installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e/o ad integrazione.....

Autore

Ing. Alberto Fiori
Ing. Alberto FioriIngegnere civileQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Laureato all'Università degli Studi di Roma Tre con la votazione di 110. Dal 2018 titolare dello Studio Ingegneria Fiori. Esperto in strutture, impianti, energetica, urbanistica ed edilizia.

Ingegneria Fiori è uno studio tecnico di ingegneria civile sito Arzachena che opera in tutto il comune di Arzachena (Porto Cervo, Baja Sardinia, Cannigione, Abbiadori) e nei comuni limitrofi di Palau ed Olbia. Lo studio è specializzato nella progettazione strutturale, energetica, impiantistica e urbanistica. Per un consulto, un’informazione o semplicemente un consiglio contattaci saremo lieti di offrirvi il miglior servizio.

Connect

Dove Operiamo

Arzachena, Porto Cervo, Costa Smeralda, Baja Sardinia, Abbiadori, Cannigione,La Conia, Liscia di Vacca, Romazzino, Capriccioli, Pevero, Palau, Porto Rafael, Capo Testa, Porto Pollo, Olbia

Image

Sede

Via Guido Rossa, 6 07021 Arzachena (SS)

Support